L’azienda Cantine Strapellum riporta l’antico nome della città di Rapolla, colonia della Magna Grecia fondata probabilmente nel 5 secolo a.C. dagli stessi coloni che, stando al mito, introdussero in queste terre il vitigno dell’ Aglianico. Uve incredibili le cui qualità e sentori dipendono fortemente dal terreno di origine vulcanica del Monte Vulture, antico vulcano spento da circa 140mila anni ma che per un lungo arco temporale, con le sue numerose eruzioni vulcaniche, ha arricchito di nutrienti l’area circostante creando i presupposti più che unici per la coltivazione odierna dell’Aglianico.

Aglianico che ovviamente è al centro del progetto aziendale di Cantine Strapellum come testimoniato dalla presenza di un’ ampia collezione di vini che nel tempo sono stati insigniti di molteplici riconoscimenti a livello nazionale e internazionale. Nella gamma spiccano vini di alto livello frutto di un complesso lavoro a livello enologico e di tecniche all’avanguardia come la vinificazione in bianco.

 

RiferimentoGiuseppe Cuseo

Zone vitivinicole:
Aglianico Del Vulture (DOC)
Basilicata (IGT)

Anno di fondazione1997

VitigniAglianico del Vulture

Ettari vitati46

Numero di bottiglie prodotte/anno90000

Etichette più importanti:
Il Nibbio Grigio Aglianico del Vulture superiore DOCG
Il Nibbio Bianco Aglianico Vinificato in bianco Barrique IGT
Tenute Piano Regio Aglianico del Vulture DOCG
Couvée brut millesimato
pas dosé

 

  • DEGUSTAZIONI E ALTRI SERVIZI
  • RISTORAZIONE E ACCOGLIENZA

Giorni e orari di apertura: Dal lunedi al sabato

Giorni e orari visita in cantina: Dal lunedì al sabato

Degustazione di vino: si

Degustazione di olio: si

Acquisto prodotti in cantina: si

Acquisto prodotti online: si

Accessibilità disabili: si

Parcheggio pullman: si

Cantine Strapellum